Rende, la beffa si materializza nel finale. A vincere è l’Avellino

Rende – Avellino 0-1

RENDE (4-3-3): Borsellini; Origlio Germinio Bruno Blaze; Murati Loviso (1′ st Vivacqua) Collocolo (41′ st Ndiaye); Rossini Libertazzi Godano (21′ st Saveljevs). A disp.: Savelloni, Palermo, Negri, Ampollini, Cipolla, Nossa, Fornito, Giannotti, Navas. All.: Rigoli.
AVELLINO (3-4-2-1): Dini; Illanes Morero Laezza; Celjak De Marco Di Paolantonio (7′ st Garofalo) Parisi; Micovschi (7′ st Albadoro) Izzillo (24′ st Ferretti); Pozzebon (39′ st Rossetti). A disp.: Tonti, Njie, Alfageme, Evangelista, Sandomenico, Federico, Rizzo. All.: Capuano.
ARBITRO: Repace di Perugia
MARCATORI: 36′ st Garofalo
NOTE: Al 7′ pt Borsellini para un rigore a Di Paolantonio. Spettatori: 105 (di cui 14 da Avellino) per un incasso di 385 euro. Ammoniti: Blaze (R) Pozzebon (A), Origlio (R), Garofalo (A), Parisi (A). Angoli: 8-2 per l’Avellino. Recupero: pt 1′; st 4′. 

VIBO VALENTIA – Una sconfitta che fa male. Il Rende paga a caro prezzo una disattenzione consentendo all’Avellino di portarsi a casa tre punti che sarebbero stati vitale per la classifica dei biancorossi. Nel Rende il tecnico Rigoli presenta tre sorprese nell’undici iniziale: Origlio terzino destro, Loviso in mezzo al campo dal primo minuto, Godano viene schierato in attacco. L’Avellino risponde con Izzillo alle spalle del tandem Pozzebon-Micovschi.

Gli equilibri saltano immediatamente. Dopo soli 6 minuti il direttore di gara punisce con il penalty un atterramento di Micovschi da parte di Bruno. Protestano i giocatori biancorossi, sul dischetto si presenta Di Paolantonio che calcia forte ma centrale con Borsellini che fa il miracolo. Il Rende prova a rimettersi in carreggiata e risponde con una conclusione di Murati ma la palla termina sul fondo. Segue una fase di sostanziale equilibrio, che si prolunga sino alla mezz’ora, senza grandi sussulti. Al 33′, Micovschi tira ma Germinio gli sporca la giocata. Sull’angolo, Celjak mette dentro per Pozzebon, che non trova la palla. Prima dell’intervallo Morero svirgola il rinvio, non ne approfitta, però, Libertazzi.

La ripresa si apre con il Rende subito pericoloso. Godano va via sull’out mancino, entra in area ma calcia sull’esterno della rete. La partita scivola via senza grandi sussulti. Pozzebon stacca in terzo tempo ma Borsellini è reattivo nell’andare giù e bloccare a terra. La beffa per il Rende si materializza al  minuto 36 sugli sviluppi dell’ennesimo calcio d’angolo: Ferretti mette in mezzo e Garofalo impatta di testa mettendo il pallone alle spalle di Borsellini. Rigoli si gioca la carta Ndiaye per Collocolo. Ai biancorossi non basta il forcing finale per evitare la sconfitta. 

Commenta...