Rende, ecco i primi tre punti. Ko la Sicula Leonzio

Rende-Sicula Leonzio 2-0

RENDE (4-3-3): Savelloni; Vitofrancesco Germinio Bruno Blaze; Collocolo (15’ st Ndiaye) Loviso Scimia (31’ st Cipolla); Vivacqua (44’ st Murati) Rossini Giannotti. In panchina Palermo, Borsellini, Ampollini, Libertazzi, Godano, Morselli, Nossa, Soomets. All: Tricarico
SICULA LEONZIO (4-3-3): Nordi; Parisi (10’ st Sosa) Tafa Ferrini Sabatino; Palermo Sicurella Megelaitis (10’ st Maimone); Grillo Lescano Bariti (19’ pt Scardina). In panchina Polverino, Talarico, Petta, Esposito, Sinani, De Rossi, Vitale, Sidibe. All: Grieco
ARBITRO: Caldera di Como
MARCATORI: 12’ e 37’ pt Scimia (R), 
NOTE: Spettatori 100 circa. Ammoniti Vitofrancesco (R), Rossini (R), Lescano (S), Scimia (R), Giannotti (R). Angoli 4-3 in favore della Sicula Leonzio. Recuperi 2’ pt e x’ st

VIBO VALENTIA – Finalmente tre punti. Il Rende spezza la spirale negativa e cancella lo zero dalla casella delle vittorie in campionato battendo in una sorta di scontro diretto la Sicula Leonzio. Mattatore di giornata Luca Scimia, autore di una doppietta pesante, che regala ai biancorossi il primo sorriso della stagione e soprattutto quell’autostima che sarà determinante nel derby di domenica contro il Catanzaro.
Tricarico prosegue sulla scia del 4-3-3 proponendo le principali novità in mediana dove rientrano Loviso e Collocolo dal primo minuto. Per il resto confermata in blocco la formazione schierata a Viterbo. Modulo a specchio varato da Grieco che affida a Lescano il compito di fare da guastatore supportato sugli esterni da Grillo e Bariti. A rompere gli indugi è la Sicula Leonzio che dopo sei minuti trova la prima conclusione ma Sicurella, pressato al limitare dell’area, non inquadra lo specchio della porta. La formazione biancorossa sembra essere in palla e cerca di mettere in difficoltà gli avversari sfruttando la velocità di Giannotti e gli inserimenti da dietro di Scimia. Il risultato lo sblocca il Rende con Scimia che sfrutta alla perfezione una rifinitura di Rossini per mettere il pallone alle spalle di Nordi con un tiro a giro velenoso. Un gol che permette ai padroni di casa di controllare la partita chiudendo ogni varco e provando a ripartire. Di contro la Sicula accusa in maniera visibile il colpo e fatica ad imbastire una reazione degna di nota. Lescano vede poco la palla e sugli esterni non sfonda. Ecco che allora si provano a sfruttare le palle inattive: un calcio di punizione dal limite di Lescano termina di poco alto sulla traversa. Ma è la giornata di grazia di Scimia che al minuto 37 praticamente da solo costruisce, rifinisce e conclude l’azione che vale il raddoppio con un tiro a giro che va a terminare la sua corsa sul palo lungo sorprendendo Nordi apparso poco reattivo.  
La ripresa si apre con un Rende propositivo e una Sicula Leonzio che in piena confusione. La grande chance per chiudere i conti arriva sui piedi di Vivacqua che dal limite chiama agli straordinari Nordi. Ancora i biancorossi pericolosi al minuto 19: Vivacqua va via sul filo del fuorigioco, taglia in diagonale l’area con un assist che Scimia in scivolata non impatta per pochi centimetri solo davanti a Nordi. Il Rende rischia dopo 120 secondi sugli sviluppi di un corner: Maimone stacca da solo in area ma non inquadra il bersaglio. La risposta non tarda ad arrivare ma Giannotti andato via bene sul filo del fuorigioco davanti a Nordi perde l’attimo e spreca in maniera clamorosa. Savelloni non corre più rischi anche perché la Sicula Leonzio non riesce mai ad arrivare ai tiro.

Commenta...