Rende, punto importante. Savelloni para un rigore

Avellino-Rende 0-0

AVELLINO (4-3-3): Tonti; Celjak Njie (1’ st Silvestri) Morero; Rossetti (29’ st Karic) De Marco (1’ st Charpentier) Di Paolantonio Laezza; Micovschi Alfageme Parisi. A disp. Pizzella, Abibi, Palliano, Zullo, Charpentier, Karic, Carbonelli, Evangelista, Silvestri. All: Ignoffo
RENDE (4-2-3-1): Savelloni; Vitofrancesco Germinio Bruno Blaze; Collocolo (35’ st Ndiaye) Murati; Morselli (10’ st Origlio) Scimia Giannotti; Rossini (16’ st Libertazzi). A disp. Palermo, Borsellini, Ampollini, Cipolla, Nossa, Vigolo, Soomets, Drkusic. All: Tricarico
ARBITRO: Di Graci di Como
NOTE: Spettatori 4500 circa. Ammoniti De Marco (A), Laezza (A), Collocolo (R), Scimia (R), Parisi (A), Savelloni (R). Angoli 7-2 in favore dell’Avellino. Recuperi 0’ pt e 3’ st

AVELLINO – Un punto per cominciare a risalire la china. Il Rende, rischia (rigore parato da Savelloni) ma esce indenne dal match contro l’Avellino e si porta a casa un pareggio importantissimo. 
Seconda panchina per il tecnico Tricarico e formazione che cambia. Nel 4-2-3-1 Germinio viene schierato al centro della difesa con Bruno. A centrocampo assente Loviso spazio a Murati e Collocolo. Punta centrale Rossini supportato da Morselli, Scimia e Giannotti. Ignoffo risponde con un Avellino a trazione anteriore. Nel tridente a fare da spalle ad Alfageme tocca a Micovschi e Parisi.
Il Rende ha il merito di confezionare la prima palla-gol del match. Bravo Scimia inserirsi dietro la linea dei difensori non altrettanto nella conclusione con Tonti che gli chiude lo specchio. L’Avellino sembra essere intimorito e calabresi che al minuto 13 vanno nuovamente vicini al vantaggio: Rossini taglia l’area con un cross velenoso ma ne Morselli ne Giannotti trovano l’impatto. Ignoffo percepisce il pericolo e chiede ai suoi di alzare il baricentro della manovra. Al minuto 18 diagonale di Micovschi che sfiora il palo alla sinistra di Savelloni. La partita è piacevole. Morselli offre a Scimia un pallone invitante, tiro che termina fuori di poco. La risposta dell’Avellino arriva  su una palla inattiva: cross lungo sul secondo palo testa di Morero con Savelloni che smanaccia. Il Rende tira il fiato e l’Avellino prova ad approfittarne: cross in mezzo per Alfageme che trova il tempo giusto ma sbaglia il tiro. Ad inizio ripresa sui piedi di Silvestri capita la prima palla-gol: assist di Micovschi ma il tiro del neo entrato termina in curva. L’Avellino ha la grande chance di passare in vantaggio al minuto 5: Murati stende Rossetti e il direttore di gara concede il penalty. Dal dischetto Di Paolantonio si fa ipnotizzare da Savelloni che intuisce e respinge. Le palle inattive sono il punto debole del Rende: minuto 23 Charpentier da dentro l’area piccola di testa non inquadra il bersaglio grosso. La partita vive una fiammata improvvisa:  Ndiaye costringe Tonti alla deviazione della palla sulla traversa, sul capovolgimento di fronte il tiro di Alfageme trova Savelloni pronto e si salva con l’aiuto del montante. L’Avellino prova il forcing finale ma il Rende non molla e porta a casa un punto pesante.

Commenta...