Categoria: news

Un rigore dubbio penalizza il Rende. Non basta il gol di Rossini

Cavese-Rende 2-1

CAVESE (4-4-2): Bisogno; Matino Marzupio Marzorati (1’ st Spaltro) Ricchi (14’ st Polito); Di Roberto (33’ st Sanz-Maza) Bulevardi Castagna (34’ st Cernaz) Russotto; Cesaretti (14’ st Matera) Germinale. In panchina D’Andrea, Abibi, De Rosa, Mirante, De Luca. All: Gentile (Campilongo squalificato)
RENDE (4-3-3): Borsellini; Origlio (39’ st Nossa) Germinio Bruno Blaze; Collocolo Murati (15’ st Loviso) Rossini; Saveljevs (32’ st Fornito) Libertazzi Giannotti. In panchina Savelloni, Palermo, Negri, Ampollini, Cipolla, Vivacqua, Godano, Ndiaye, Navas. All. Rigoli
ARBITRO: Marchetti di Ostia Lido
MARCATORI: 18’ pt Rossini (R), 30’ pt Germinale (C), 50’ st Germinale (C, rig)
NOTE – Spettatori 800. Ammoniti Germinio (R), Germinale (C), Origlio (R), Rossini (R). Angoli 2-2. Recuperi 1’ pt e 5’ st

CASTELLAMMARE DI STABIA – Sconfitta amara per il Rende che nei minuti di recupero viene battuto dalla Cavese cinica nello sfruttare un rigore dubbio concesso dal direttore di gara. Un ko ancor più difficile da digerire se si considera la buona prestazione dei biancorossi nell’arco dell’intera gara e la rete del vantaggio firmata da Rossini.  

La novità in casa Rende è l’inserimento nel tridente di Saveljevs che insieme a Giannotti va a supportare Libertazzi. In mezzo al campo Rigoli si affida a Murati. Campilongo opta per uno schieramento offensivo con Russotto e Di Roberto sugli esterni di centrocampo e la coppia Cesaretti-Germinale in avanti.

Posta in palio altissima: Rende che deve risalire la classifica per disputare i playout, Cavese che punta ai playoff. Gara contratta nei minuti iniziali con schermaglie tattiche soprattutto a centrocampo. La Cavese prova a imporre il proprio gioco ma il Rende risponde colpo su colpo: Saveljevs non inquadra la porta. Con il passare dei minuti i biancorossi conquistano metri sul terreno di gioco e il vantaggio ne è la logica conseguenza: Rossini è bravo ad inserirsi e deviare in spaccata alle spalle di Bisogno un cross di Origlio. La Cavese si affida a soluzioni da palla inattiva: ci prova Russotto, Borsellini è attento. Nel momento in cui il Rende sembra controllare il match arriva il gol della Cavese: azione insistita di Russotto, cross sul secondo palo dove Germinale in torsione batte Borsellini.

Il secondo tempo è caratterizzato da ritmi blandi con le due squadre che si fronteggiano in trenta metri. Ci prova Bulevardi ma il tiro è centrale con Borsellini che non si fa sorprendere. Rigoli si gioca la carta Loviso con la consapevolezza di poter fare il colpaccio. Ci provano Origlio, tiro dal limite, e Libertazzi che non trova il tap in su assist di Rossini. La Cavese prova a colpire in ripartenza: Russotto viene innescato da Germinale e si presenta davanti a Borsellini reattivo a respingere di piede la conclusione.

La beffa per il Rende si materializza nei minuti di recupero quando il pari sembrava ormai cristallizzato: Russotto mette il corpo a protezione di una palla vagante, Bruno gli va addosso e il direttore di gara indica il dischetto scatenando la rabbia dei giocatori. Germinale segna e condanna i biancorossi ad una sconfitta immeritata.

Cavese-Rende, sono 23 i giocatori convocati dal tecnico Rigoli

Per la gara di domani contro la Cavese valevole per la ventisettesima giornata del campionato di Lega Pro il tecnico Rigoli ha convocato 23 giocatori

PORTIERI
1 Savelloni, 22 Borsellini, 12 Palermo

DIFENSORI
3 Ampollini, 6 Origlio, 13 Germinio, 21 Nossa, 15 Bruno, 2 Negri, 17 Blaze

CENTROCAMPISTI
5 Collocolo, 28 Navas, 11 Rossini, 8 Loviso, 19 Saveljevs, 27 Murati, 4 Cipolla

ATTACCANTI
24 Giannotti, 10 Godano, 20 Ndiaye, 9 Vivacqua, 7 Libertazzi, 23 Fornito

Cavese-Rende, le informazioni per l’acquisto dei tagliandi del settore ospiti

La società Rende Calcio rende noto che sarà possibile acquistare i biglietti del settore ospiti, senza obbligo di Fidelity Card. Il costo del biglietto per il settore ospiti è di € 10 (comprensivo di tutti gli oneri) e la vendita dei ticket settore ospiti si chiuderà alle ore 19 di martedì 25 febbraio.   

La CAVESE 1919 srl utilizza per la biglietteria il circuito elettronico ETES e sarà possibile l’acquisto del ticket anche online sul sito ETES

Il punto vendita del circuito è il seguente:

  • Orchi s.r.l., Eurobet,  via Cilea 1 Castrolibero (Cs)

La stampa dell’avvenuto acquisto rappresenterà il titolo d’accesso per l’evento e pertanto dovrà essere necessariamente presentato integro al controllo accessi dell’impianto, insieme al documento d’identità in corso di validità.

Si informa, inoltre, che non sarà disponibile la vendita dei biglietti per il Settore Ospiti il giorno della gara presso lo stadio, pertanto, è assolutamente sconsigliato recarsi a Castellammare di Stabia senza aver preventivamente acquistato il biglietto d’ingresso.

Rende, la beffa si materializza nel finale. A vincere è l’Avellino

Rende – Avellino 0-1

RENDE (4-3-3): Borsellini; Origlio Germinio Bruno Blaze; Murati Loviso (1′ st Vivacqua) Collocolo (41′ st Ndiaye); Rossini Libertazzi Godano (21′ st Saveljevs). A disp.: Savelloni, Palermo, Negri, Ampollini, Cipolla, Nossa, Fornito, Giannotti, Navas. All.: Rigoli.
AVELLINO (3-4-2-1): Dini; Illanes Morero Laezza; Celjak De Marco Di Paolantonio (7′ st Garofalo) Parisi; Micovschi (7′ st Albadoro) Izzillo (24′ st Ferretti); Pozzebon (39′ st Rossetti). A disp.: Tonti, Njie, Alfageme, Evangelista, Sandomenico, Federico, Rizzo. All.: Capuano.
ARBITRO: Repace di Perugia
MARCATORI: 36′ st Garofalo
NOTE: Al 7′ pt Borsellini para un rigore a Di Paolantonio. Spettatori: 105 (di cui 14 da Avellino) per un incasso di 385 euro. Ammoniti: Blaze (R) Pozzebon (A), Origlio (R), Garofalo (A), Parisi (A). Angoli: 8-2 per l’Avellino. Recupero: pt 1′; st 4′. 

VIBO VALENTIA – Una sconfitta che fa male. Il Rende paga a caro prezzo una disattenzione consentendo all’Avellino di portarsi a casa tre punti che sarebbero stati vitale per la classifica dei biancorossi. Nel Rende il tecnico Rigoli presenta tre sorprese nell’undici iniziale: Origlio terzino destro, Loviso in mezzo al campo dal primo minuto, Godano viene schierato in attacco. L’Avellino risponde con Izzillo alle spalle del tandem Pozzebon-Micovschi.

Gli equilibri saltano immediatamente. Dopo soli 6 minuti il direttore di gara punisce con il penalty un atterramento di Micovschi da parte di Bruno. Protestano i giocatori biancorossi, sul dischetto si presenta Di Paolantonio che calcia forte ma centrale con Borsellini che fa il miracolo. Il Rende prova a rimettersi in carreggiata e risponde con una conclusione di Murati ma la palla termina sul fondo. Segue una fase di sostanziale equilibrio, che si prolunga sino alla mezz’ora, senza grandi sussulti. Al 33′, Micovschi tira ma Germinio gli sporca la giocata. Sull’angolo, Celjak mette dentro per Pozzebon, che non trova la palla. Prima dell’intervallo Morero svirgola il rinvio, non ne approfitta, però, Libertazzi.

La ripresa si apre con il Rende subito pericoloso. Godano va via sull’out mancino, entra in area ma calcia sull’esterno della rete. La partita scivola via senza grandi sussulti. Pozzebon stacca in terzo tempo ma Borsellini è reattivo nell’andare giù e bloccare a terra. La beffa per il Rende si materializza al  minuto 36 sugli sviluppi dell’ennesimo calcio d’angolo: Ferretti mette in mezzo e Garofalo impatta di testa mettendo il pallone alle spalle di Borsellini. Rigoli si gioca la carta Ndiaye per Collocolo. Ai biancorossi non basta il forcing finale per evitare la sconfitta. 

Rigoli spinge il Rende: «E’ arrivato il momento della svolta» – Audio

RENDE – Obiettivo vincere per dare il via alla scalata salvezza. Il Rende affronta domani l’Avellino con la voglia di dare continuità all’ottimo pareggio ottenuto a Potenza. Il tecnico Pico Rigoli ha preparato la gara nei minimi dettagli consapevole delle insidie che nasconde ma supportato dai segnali positivi che la squadra manda settimana dopo settimana.

«Sappiamo bene che non sarà una partita facile ma è arrivato il momento di imprimere la svolta alla nostra stagione  – afferma il tecnico biancorosso – Abbiamo lavorato bene nel corso della settimana e sono convinto che anche questa volta la squadra darà in campo tutto».

Rende-Avellino, sono 23 i giocatori convocati dal tecnico Rigoli

Per la gara di domani contro l’Avellino valevole per la ventiseiesima giornata del campionato di Lega Pro il tecnico Rigoli ha convocato 23 giocatori

PORTIERI
1 Savelloni, 22 Borsellini, 12 Palermo

DIFENSORI
3 Ampollini, 6 Origlio, 13 Germinio, 21 Nossa, 15 Bruno, 2 Negri, 17 Blaze

CENTROCAMPISTI
5 Collocolo, 28 Navas, 11 Rossini, 8 Loviso, 19 Saveljevs, 27 Murati, 4 Cipolla

ATTACCANTI
24 Giannotti, 10 Godano, 20 Ndiaye, 9 Vivacqua, 7 Libertazzi, 23 Fornito

Rende-Avellino, aperta la prevendita dei tagliandi

Il Rende Calcio comunica che è aperta la prevendita dei tagliandi per la gara Rende-Avellino in programma domenica 23 febbraio alle ore 17,30 e valevole per la 27ª giornata del campionato di serie C. Si giocherà allo stadio “Luigi Razza” di Vibo Valentia.

Si ricorda che la vendita dei settori locali, sarà gestita unicamente dalla società Rende Calcio al botteghino dello stadio, pertanto non dovrà essere applicato alcun sovraprezzo per diritti di prevendita

Questi i prezzi dei settori aperti alla vendita: 

  • Tribuna Coperta Laterale 10 € + prevendita; Under 14 gratis
  • Tribuna coperta Centrale 15 € + prevendita; Under 14 gratis
  • Settore Ospiti – Gradinata: 10 € + prevendita; Under 14 gratis 

Per quanto riguarda il settore ospiti i tagliandi potranno essere acquistati mediante il circuito GO2 nei punti vendita accreditati reperibili sul sito www.go2.it e nei seguenti punti vendita.

La vendita del settore ospiti chiuderà alle ore 19 di sabato 22 febbraio.

Un punto voluto e cercato. Il Rende pareggia a Potenza

Potenza-Rende 2-2

POTENZA (3-4-3): Ioime; Sales Emerson Silvestri; Viteritti Dettori (12′ st Ricci) Coppola Coccia; Ferri Marini (1′ st Isgrò; 16′ st D’Angelo) França (12′ st Murano) Golfo (40′ st Gassama). A disp. Santopadre, Di Somma, Volpe, Longo, Panico, Grande, Souarè. All. Raffaele.
RENDE (4-2-3-1): Borsellini; Vitofrancesco (31′ st Ampollini) Germinio Bruno Origlio; Collocolo (28′ st Loviso) Murati; Vivacqua (8′ st Godano) Rossini Blaze (28′ st Saveljevs); Libertazzi. A disp. Savelloni, Palermo, Navas, Negri, Giannotti, Ndiaye, Cipolla. All. Rigoli.
ARBITRO: Rutella di Enna.
MARCATORI: 1’pt Libertazzi (R), 9′ pt Emerson (P), 2′ st Coccia (P), 49′ st Saveljevs (R).
NOTE: spettatori 2.837, compresi gli abbonati (1634) per un incasso di 23 mila euro. Ammoniti: Vivacqua (R), Sales (P), Origlio (R), Emerson (P), Ricci (P), Godano (R). Angoli 6-5 per il Potenza. Recupero, 1’pt, 6’st.

POTENZA – Un pari tutto cuore e determinazione. Il Rende sul filo di lana si aggrappa ad una intuizione di Saveljevs e torna da Potenza con un punto che muove la classifica ma soprattutto rappresenta un’iniezione di autostima importante. Rigoli cambia qualche pedina sullo scacchiere tattico del Rende. Germinio va far coppia con Bruno al centro della difesa mentre Blaze viene schierato sulla linea dei trequartisti al fianco di Rossini e Vivacqua. La partenza dei biancorossi è fulminante: passano solo sessanta secondi e Libertazzi, sfruttando un cross dalla destra, infila il pallone alle spalle di Ioime. Il tecnico Raffaele cambia subito l’impostazione del Potenza passando al 4-3-3 e al 9′ il Potenza pareggia: Emerson su calcio di punizione sfrutta un’indecisione di Borsellini. Il portiere biancorosso si riscatta due minuti dopo su Silvestri. Dopo il botta e risposta iniziale la gara cala di ritmo con una fase di gioco in cui le due squadre si annullano a vicenda. Nel finale di tempo, i biancorossi tentano di sorprendere il Potenza ma la retroguardia rossoblù fa buona guardia. L’avvio della ripresa è favorevole al Potenza: cross di Golfo e Coccia di testa porta in vantaggio i padroni di casa. Il Rende non si perde d’animo e cerca di prendere in mano l’iniziativa anche grazie ad una serie di cambi che ne favoriscono le giocate. Godano per poco non pesca il jolly dalla distanza, Murano scheggia il palo. Sui titoli di coda il Rende confezione l’impresa: punizione di Loviso, sponda di Germinio per Saveljevs che in diagonale pareggia.