Il Rende non brilla. La Sicula Leonzio ne approfitta

Rende-Sicula Leonzio 0-2

RENDE (3-4-3): Borsellini; Germinio Minelli Sabato (30’ st Giannotti); Viteritti Awua Franco Zivkov (1’ st Blaze); Borello Negro (1’ st Actis Goretta) Vivacqua (1’ st Rossini). In panchina Savelloni, Palermo, Maddaloni, Bei, Leveque, Laaribi, Calvanese, Bonetto. All: Modesto

SICULA LEONZIO (3-5-2): Pane; Laezza Aquilanti Ferrini; D’Angelo (48’ st Petta) Marano (32’ st D’Amico) Esposito (17’ st De Rossi) Megelaitis Squillace; Dubickas (48’ st Rossetti) Miracoli (32’ st Russo). In panchina Polverino, Talarico, Milesi, Giunta, Cozza, Russo, Gammone, Vitale. All: Bonfatto (Torrente squalificato)

ARBITRO: Collu di Cagliari

MARCATORI: 8’ pt D’Angelo (S), 27’ pt Ferrini (S)

NOTE: Spettatori 142 per un incasso di 430 euro. Ammoniti Aquilanti (S), Awua (R), Actis Goretta (R), Franco (R), Marano (S), Minelli (R), Pane (S). Angoli 7-5 in favore del Rende. Recuperi 1’ pt e 5’ st

VIBO VALENTIA –  Fa un passo indietro il Rende che subisce uno stop amaro contro la Sicula Leonzio e rimanda la possibilità di consolidare la propria posizione in una corsa, quella per i playoff, che adesso si fa veramente affollata. Due reti subite nel primo tempo, alcuni errori sotto porta degli attaccanti e decisioni arbitrali decisamente dubbie hanno fatto il resto. Modesto conferma per nove-undicesimi la squadra che ha ben figurato nel derby con il rientro di Minelli in difesa e l’inserimento di Zivkov sulla corsia mancina. Torrente risponde con un 3-5-2 che gli garantisce densità a centrocampo e affida alla coppia Dubickas-Miracoli le chiavi dell’attacco.  A rompere gli indugi è la Sicula Leonzio che impiega poco meno di otto minuti per portarsi in vantaggio: percussione di Marano scarico su Miracoli che favorisce l’inserimento di D’Angelo freddo davanti a Borsellini a mettere il pallone in rete. Il Rende colpito a freddo prova a reagire sull’asse Borello-Negro ma il colpo di testa dell’attaccante termina alto. La formazione di Modesto cerca di rientrare in partita provando a prendere in mano le redini del gioco: un colpo di testa di Zivkov da posizione defilata viene respinto da Pane. Al minuto 20 la grande occasione per i biancorossi: Borello sfonda a destra palla per Negro che solo davanti al portiere manda fuori. Nel momento migliore del Rende arriva il raddoppio della Sicula Leonzio: Ferrini da oltre 25 metri si inventa un tiro che termina la sua corsa sotto l’incrocio dei pali. I biancorossi soffrono e la Sicula sfiora la terza rete con Miracoli ma questa volta Borsellini smanaccia in angolo. Sul finire del tempo colpo di testa di Borello ma la palla termina a lato. Ad inizio ripresa Modesto rivoluziona  la squadra inserendo Actis Goretta e Rossini in avanti e Blaze sulla corsia mancina. Il Rende al minuto 19 ha la grande occasione per riaprire la partita: calcio di punizione di Franco respinta goffa di pane sui piedi di Borello che da due metri manda alto. Viene annullato un gol ad Actis Goretta per un fallo dubbio ai danni di Squillace, si accende un parapiglia con Franco e Marano che vengono ammoniti. Modesto si gioca anche la carta Giannotti. Al minuto 38 ancora un gol annullato al Rende per una dubbia posizione di fuorigioco di Minelli autore dell’ultimo tocco dopo un mischione in area. Alcune decisione arbitrali creano tensione in campo con un gioco spezzettato che non consente ai biancorossi di rimediare ad una sconfitta da cancellare nel più breve tempo possibile. 

Commenta...